Eurasia 3-2008

recensioni

.
Autore: AA. VV.
Pagine: 272
Data di pubblicazione: 2008
Collana: Eurasia, Rivista di studi Geopolitici
Prezzo: 18.00 euri
.

 

 

 

Editoriale

America indiolatina ed Eurasia: i pilastri del nuovo sistema multipolare (Tiberio Graziani)

Dossario: L’America indiolatina nel sistema multipolare

L’imperialismo e la rivoluzione latinoamericana I Parte (Giovanni Armillotta)
Le misiones. Il Venezuela e la sovranità sociale (Marco Bagozzi)
Banco del Sur: una visione geopolitica (Alberto Buela)
Chiesa e America Latina (Alessandra Colla)
Alle origini della prassi geopolitica di Chavez: il pensiero geopolitico di Norberto Ceresole (Francisco de la Torre)
Rafael Correa: per una vera unità sudamericana (Francisco de la Torre)
Il programma nucleare del Brasile (Alessandro Lattanzio)
Grenada 1983: ricominciano le invasioni USA (Francisco Magalhães)
Il Brasile e l’America meridionale (Luiz Alberto Moniz Bandeira)
La politica estera del barone di Rio Branco (Roberto Nocella)
Il MERCOSUR in un mondo dalle molteplici opzioni (Félix Peña)
La guerra infinita in America (Carlos A. Pereyra Mele)
Le sfide dell’integrazione sudamericana (Samuel Pinheiro Guimarães)
OSA: “una visión compartida para las Américas” (Manlio Urbano)
Chávez: le ragioni e i problemi del nuovo populismo latinoamericano (Roberto Zavaglia)

Interviste

Dialogo a tre voci: Marie Poumier, Juan Gabriel Labaké, Oscar Abudara Bini
Elizaveta Valieva (Luca Bionda)
Giovanni Muttoni (Aldo Braccio)

Continenti

La Georgia: lingua e religione come fattori di identità etnica. II Parte (Aldo Castellani)
Il “terrorismo islamico” (Carlo Corbucci)
Le relazioni tra l’Unione Sovietica e l’Europa occidentale nel settore del commercio del gas: la questione dell’influenza politica (Ksenia Demidova)
Evoluzione dello spazio post sovietico (Marco Ferrentino)
Russia-Gran Bretagna: la difficile strada della collaborazione (Vagif Gusejnov)

Recensioni

Franz Altheim, Deus Invictus. Le religioni e la fine del mondo antico, Mediterranee, Roma 2007 (Claudio Mutti)
Roberto Occhi, Che Guevara. La più completa biografia, Verdechiaro, Baiso (RE) 2007 (Claudio Mutti)
Costanzo Preve, La quarta guerra mondiale, Edizioni all’insegna del Veltro, Parma 2008 (Augusto Marsigliante)

 

I nuovi equilibri geopolitici mondiali stanno disegnando una nuova realtà politica? E questa ridefinizione ha una ricaduta sul diritto? Questi temi sono affrontati nel dossier dell’ultimo numero della rivista di studi geopolitici “Eurasia” (www.eurasia-rivista.org). Il diritto e la geopolitica sono alla base degli assetti politici mondiali e degli sviluppi futuri. Infatti l’occidentalizzazione del pianeta , per usare un’espressione di Serge Latouche, avviata dagli USA con strategie culturali, politico-economiche e militari, ha stimolato una reazione da parte della Federazione russa, della Cina e dell’India che, raggiunte alcune intese, stanno ponendo le basi per un assetto geopolitico che definirà nuovi confini e nuove realtà. Un’ “integrazione eurasiatica”, quindi, che sta già avviando un dialogo con altri paesi del Sudamerica e con la Turchia.
Il direttore di “Eurasia”, Tiberio Graziani, docente nell’ateneo perugino, auspica alla luce della nascita di questa era postglobale e multipolare la riscrittura delle regole e la riformulazione di alcuni organismi sopranazionali come l’ONU. Per Graziani, dal fronteggiarsi di queste nuove realtà quella globalizzatrice a guida USA e quella eurasiatica e multipolare, dovrebbe scaturire un nuovo ordinamento.
Il diritto internazionale, quindi, è strettamente legato alla geopolitica e, anzi, ne è uno dei fondamenti. Il diritto internazionale moderno è nato con la pace di Westfalia (1648) e con la fine della grande guerra “il concetto di Stato come concetto centrale del diritto internazionale delle genti è sorpassato” spiegava il giurista tedesco Carl Schmitt. Da allora gli USA cominciarono a lavorare per sminuire la sovranità degli Stati, specie introducendo la giustizia penale nell’ordinamento internazionale. In “Eurasia” è analizzato il concetto dei “grandi spazi”, lo spazio aereo e la giurisdizione USA, la guerra senza limiti, le metamorfosi geopolitiche. E poi, ricostruzioni storiche e le recenti dinamiche e le consuete rubriche di recensioni e interviste.

(La Gazzetta del Mezzogiorno, 13 maggio 2008)

 

*Video:presentazione del numero

Carrello

Il tuo carrello è vuoto