Tifonia e Cadmeide

Tifonia e Cadmeide

.
Autore: Nonno di Panopoli
Traduzione in versi di Claudio Mutti
Pagine: 200
Collana: Paganitas
Prezzo: 12.00 euri
.

 

 

Nella stessa collana editoriale in cui è apparsa due anni fa una versione del poemetto latino di Claudio Claudiano sulla Fenice , le Edizioni all’insegna del Veltro pubblicano adesso la parte iniziale della mastodontica opera di un altro poeta dell’Egitto ellenizzato, conosciuto sotto il nome (o l’epiteto) di Nonno.

Vissuto nel V secolo dell’era volgare a Panopoli (l’odierna Akhmim), sulle rive del Nilo, Nonno è infatti l’autore di un poema epico sulla conquista dell’India da parte di Dioniso: le Dionisiache, in quarantotto canti, come l’Iliade e l’Odissea messe insieme. Nonno compose anche una parafrasi poetica del Vangelo di Giovanni, verosimilmente dopo essersi convertito alla religione cristiana.

Prima di lui, diversi altri poeti avevano tratto ispirazione per le loro opere dalle imprese di Dioniso; già all’epoca della spedizione di Alessandro in Asia il culto dionisiaco ricevette grande diffusione e conobbe più ampia fortuna, mentre il mito formatosi intorno al grande Macedone faceva di quest’ultimo una nuova epifania del dio; rimane traccia di ciò nell’appellativo di “Bicorne”, con cui il Corano (nella Sura della Caverna) ha contrassegnato il personaggio di Alessandro Magno. In seguito i sovrani dell’Egitto ellenizzato si fregiarono del titolo di “Nuovo Dioniso”; come un nuovo Dioniso anche Antonio impugnò il tirso e si cinse il capo d’edera; lo stesso titolo fu assunto da Adriano e forse, prima di lui, da Traiano. Come scrive Francis Vian, “Dioniso, volta a volta Cosmocrator e Sol Invictus, simboleggia la missione civilizzatrice e pacificatrice di Roma, la clemenza dell’Imperatore e le sue vittorie sui barbari empi; la sua deificazione è il prototipo delle apoteosi e delle eroizzazioni che ricompensano la virtus”.

Dei quarantotto canti del poema, in questo volume sono stati tradotti (in endecasillabi sciolti) i primi cinque, nei quali Nonno rievoca il tentativo intrapreso da Tifone per espugnare l’Olimpo (canti I e II) e le gesta di Cadmo, l’eroe fondatore di Tebe (canti III, IV, V). Quest’ultimo, partito alla ricerca di sua sorella Europa rapita da Zeus , dopo aver aiutato Zeus a sconfiggere Tifone, sposerà Armonia e genererà Semele, madre di Dioniso.

Carrello

Il tuo carrello è vuoto
Privacy Policy Cookie Policy