La lotta per il Kosovo

recensioni

.
Autore: Y. Bataille, A. De Rienzo, S. Vernole
Pagine: 160
Data di pubblicazione: 2007
Collana: Quaderni di geopolitica
Prezzo: 18.00 euri
.

Questo quaderno di geopolitica n. 6 è dedicato ad un tema estremamente attuale: la provincia sotto amministrazione internazionale del Kosovo, contesa da Serbi ed Albanesi, il cui status futuro risulta forte fattore di divisione tra Russia e Stati Uniti.

La prima parte, ad opera del geopolitico franco-serbo (da diversi anni risiede quasi stabilmente a Belgrado) Yves Bataille, affronta le vicende passate e future della Serbia, con una particolare attenzione al ruolo svolto da Washington e dalle ONG atlantiste nella disgregazione della ex Jugoslavia.

Del medesimo autore è anche uno scritto a difesa del presidente del Partito Radicale Serbo, Vojislav Seselj, dalle improbabili accuse di Yves Tomic, collaboratore del Tribunale dell’Aja.
In quanto testimone diretto dei bombardamenti che nel 1999 tormentarono per 78 giorni la Serbia, i testi di Bataille ci aiutano a comprendere la genesi del nazionalismo serbo, passato e presente, ma anche la strategia nordamericana volta alla conquista dell’Eurasia.

Alessandro De Rienzo, funzionario giuridico e consulente per le Nazioni Unite, ha prestato servizio dal 2003 al 2007 presso la Special Chamber della Corte Suprema del Kosovo a Pristina; il suo saggio analizza in maniera estremamente rigorosa successi, contraddizioni e fallimenti nel processo di privatizzazione delle principali imprese del Kosovo, uno degli scenari più discussi e discutibili dell’amministrazione internazionale.

Stefano Vernole, giornalista pubblicista protagonista dal 1995 ad oggi di una quindicina di viaggi nella ex Jugoslavia, si sofferma sull’importanza del Kosovo e Metohija per l’identità spirituale e culturale del popolo serbo, tracciandone una breve storia a partire dalla battaglia del Campo dei Merli del 1389 fino ad oggi.
Suo è anche l’apparato di note a corredo del primo scritto di Bataille, utile per approfondire questioni controverse, quali la presunta “pulizia etnica” del 1999 e i risvolti geopolitici dell’aggressione alla Federazione Jugoslava.

Tutta da gustare l’appendice, inaugurata dal famoso discorso di Slobodan Milosevic a Kosovo Polje il 28 giugno 1989, prosegue con l’intervento di Yves Bataille alla manifestazione del Partito Radicale Serbo tenutasi a Banovo Brdo il 19 aprile 2006 e con la lettera documento di Lord Robertson a Kofi Annan nella quale il segretario generale della NATO ammette l’utilizzo di uranio impoverito durante il bombardamento atlantista del Kosovo, per chiudersi con una serie di significative immagini riguardanti la ex Jugoslavia.

Indice

Stefano Vernole
Prefazione

Yves Bataille
Il futuro geopolitico della Serbia
L’«ideologia della Grande Serbia» secondo Yves Tomic

Alessandro De Rienzo
Il programma di privatizzazione in Kosovo: rilancio dell’economia?

Stefano Vernole
L’importanza del Kosovo e Metohija nella costruzione dell’identità serba: i monasteri ortodossi

Appendice
Discorso del presidente Slobodan Milosevic a Kosovo Polje
Discorso di Yves Bataille alla manifestazione de Srpska Radikalna Stranka
Lettera di Lord Robertson a Kofi Annan sull’uso dell’uranio impoverito

_______________________________________

Intervista a Stefano Vernole, coautore di ”La lotta per il Kosovo” (da cpeurasia.org)

Intervista a Stefano Vernole, coautore di ”La lotta per il Kosovo” (da arcoiris.tv)

Intervista a Stefano Vernole realizzata dal direttore di radiobase Liliana Boranga

Biografie degli autori

Carrello

Il tuo carrello è vuoto